La Denunzia di Danno Temuto

Editora: Giuffrè

Autor: Mario Dini - Enrico A. Dini

ISBN: não tem

R$430,00
ADICIONAR AO CARRINHO

Disponibilidade: Pronta Entrega

Nº de Páginas: 808

Encadernação: Brochura

Ano: 1982

Título: La Denunzia di Danno Temuto

Editora:Giuffrè

Autor: Mario Dini - Enrico A. Dini

ISBN: não tem

Disponibilidade: Pronta Entrega

Nº de Páginas: 808

Encadernação: Brochura

Ano: 1982

4ª ed.
Parte Prima:
CENNI STORICI
1. Generalità............. 3
2. Origine della cautio damni infecti........ 4
3. Fondamento della cautio damni infecti....... 6
4. Presupposti della cautio.......... 7
5. Legittimazione attiva e passiva nella cautio..... 8
6. Magistrati competenti e immissio in possessionem . 10
7. Fine del periodo classico.......... 13
8. Diritto intermedio (leggi barbariche; diritto canonico; antico diritto francese;
glossa torinese; statuti dei comuni italiani) . 14
9. Legislazioni moderne (Germania; Svizzera; Francia; Belgio; Stati Scandinavi; Spagna; Codice Albertino)...... 16
10. Codice processuale civile italiano del 1865..... 18
Parte Seconda
CONSIDERAZIONI SULLA TUTELA CAUTELARE
11. Premesse generali 23
12. Cautele nel diritto privato 26
13. Cautela preventiva e repressiva.........27
14. Sistemazione dogmatica della tutela cautelare.....31
15. Caratteristiche dei provvedimenti cautelari: a) periculum in mora; b) probabile esistenza del diritto;
e) strumentalità e sussidiarietà; d) provvisorietà; e) cognitìo summaria o prima facie cognitio; f) variabilità;
g) termine perentorio; h) efficacia; i) urgenza; O lesioni del diritto........35
16. Contenuto e scopo dei provvedimenti cautelari .... 62
17. Inquadramento dei provvedimenti cautelari......63
18. Autonomia dell´azione cautelare........69
19. Unità del procedimento cautelare........77
Parte Terza I SINGOLI PROCEDIMENTI CAUTELARI
20. Premessa.............. 83
21. Sequestro conservativo e giudiziario....... 84
22. Denunzia di nuova opera.......... 88
23. Denunzia di danno temuto......... 8()
24. I provvedimenti d´istruzione preventiva...... 90
25. Provvedimenti d´urgenza.......... 92
26. Provvedimenti possessori.......... 92
27. Esecuzione provvisoria della sentenza....... 94
28. Esecuzione anteriore al decorso del termine del precetto . 97
29 Revoca della clausola di provvisoria esecuzione .... 97
30. Sospensione dell´esecuzione della sentenza...... 99
31. Sospensione dell´esecuzione ex artt. 401 e 407 cod. proc. civ. 99
32. Pignoramento............. 100
33. Condanna generica ai danni......... 101
34. Tutore e curatore provvisorio........ 102
35. Provvedimenti provvisori ex art. 708 cod. pr. civ..... 102
36. Assegni alimentari........... 106
37. Provvedimenti temporanei ex art. 610 cod. pr. civ..... 106
38. Curatore dello scomparso (art. 48 cod. civ.); immissione temporanea nei beni dell´assente (art. 50 c.c.)...... 107
39. Verificazione di scritture e querela di falso in via principale . KW
40. Apposizione e rimozione dei sigilli....... 108
41. Sentenza dichiarativa di fallimento........ 11°
42. Sospensione della deliberazione impugnata ex art. 2378 cod. civ. 112
43. Amministrazione controllata......... 113
44. Procedimenti cautelari penali......... 114
45. Procedimenti cautelari nel codice della navigazione . . . 117
46. Procedimenti relativi al diritto d´autore, ai brevetti per invenzioni industriali, ai brevetti per marchi...... 118
47. La cosiddetta provvisionale ex art. 24 legge 24 dicembre 1969, n. 990.............. 123
48. La reintegra nel posto di lavoro ex art. 18, IV comma, dello Statuto dei Lavoratori.......... 125
49. Il procedimento di repressione della condotta antisindacale . 130
50. II procedimento di repressione delle discriminazioni per sesso . 134
51. Ordinanze ex art. 423, II comma, del nuovo processo di lavoro 135
Parte Quarta
SCOPO, FONDAMENTO E NATURA
DELLA DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
DIFFERENZE CON ISTITUTI AFFINI
CAPITOLO UNICO SCOPO E FONDAMENTO GIURIDICO
52. Scopo della denunzia di danno temuto...... 141
53. Natura giuridica dell´azione di denunzia di danno temuto . . 145
54. Differenze fra la denunzia di danno temuto e quella di nuova opera.............. 160
55. Distinzione della denunzia di danno temuto dalle azioni possessorie .............. 177
56. Differenze con i provvedimenti d´urgenza...... 194
Parte Quinta
ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
CAPITOLO I LEGISLAZIONE
57. Disposizioni legislative relative alla denunzia di danno temuto . 199
CAPITOLO II
COSA O OPERA ESISTENTE
58. Natura della denunzia di danno temuto nel diritto romano . 201
59. Il concetto di « cosa » nella denunzia di danno temuto . . . 203
60. Difetti della cosa ed influenza della responsabilità del denunziato 206
CAPITOLO III DANNO
61. Concetto di danno........... 213
62. Danno verifìcatosi soltanto in parte....... 217
63. Danno certo............. 220
64. Difetti della cosa e danno.......... 221
65. Danno grave............. 224
66. Danno prossimo............ 224
67. Danno all´esercizio dell´attività altrui....... 229
68. Danni derivanti da agenti naturali........ 232
CAPITOLO IV TEMPO DELLA DENUNZIA
69. Differenze con la denunzia di nuova opera: mancanza del termine e sue conseguenze..........235
Parte Sesta
LEGITTIMAZIONE - COMPETENZA PROCEDIMENTO - CAUTELE
CAPITOLO I LEGITTIMAZIONE ATTIVA
70. Precedenti storici............ 241
71. Se sia legittimato il conduttore........ 243
72. Socio di cooperativa edilizia......... 254
73. Proprietario sotto condizione sospensiva, proprietario sotto condizione risolutiva,
proprietario temporaneo, acquirente con riservato dominio............ 255
74. Provvedimenti per la tutela dei diritti dei singoli in zone terremotate.............. 262
75. Usufruttuario; creditore anticretico.......263
76. Condominio e comproprietà.........264
77. Condominio di case divise per piani...... 269
78. Immobile venduto e non consegnato, esecutore testamentario, legatario, proprietario-locatore, titolari di diritti reali . . . 271
79. Creditori ipotecar!, creditori del possessore, chirografari, pro-prietari e titolari di diritto reale di godimento nei rapporti
fra loro, titolari di diritti su cose altrui, custode, sequestratane, curatore fallimentare, erede sotto condizione sospensiva,
esecutore testamentario, amministratore giudiziario, sindaco . . 272
80. Minori, persone giuridiche, associazioni non riconosciute, ecc., tutore provvisorio...........279
81. Proprietari e titolari di diritti reali fra loro.....281
82. Amministrazione pubblica. Generalità: a) strade; 6) servitù militari; e) servitù legali delle ferrovie pubbliche e delle proprietà
coerenti; d) opere in prossimità del demanio marittimo; e) opere in prossimità di aeroporti; /) acque pubbliche (opere idrauliche) . 282
83. Fallito.............. 287
84. Amministrazione controllata.........290
85. Straniero..............292
86. Provv. danno temuto in materia ricerche minerarie 293
87. Proprietario di funicolare privata........301
88. Concessionario di acque pubbliche.......302
88-tó. Osservazioni . ..........303
CAPITOLO II LEGITTIMAZIONE PASSIVA
89. Ammissibilità della denunzia di danno temuto contro l´esecutore
del lavoro..............305
90. Se sia ammissibile la denunzia contro il proprietario e contro i
terzi da parte dei titolari di diritti reali.......310
91. Se la causa del danno risalga ad epoca anteriore all´acquisto
da parte dell´attuale proprietario........ 313
92. Se più persone esercitano diritti diversi sullo stesso fondo . . 313
93. Se la denunzia di danno temuto possa essere esperita da un condomino contro altro condomino........ 315
94. Miniere, cave, torbiere.......... 317
CAPITOLO III
AMMISSIBILITÀ´ DELLA DENUNZIA DI DANNO TEMUTO CONTRO GLI ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
95. Esame della questione dal punto di vista dottrinale e giurisprudenziale ............. 319
96. Se possa imporsi cauzione......... 330
97. Atti ture imperii e iure gestionis . ....... 331
98. Se il privato agisca in base ad un atto amministrativo : quid iuris? 335
99. Privato concessionario........... 337
100. Atto di esecuzione della P.A. contro il privato..... 337
101. Fatto amministrativo........... 338
102. Azione di danno temuto contro la P.A. in materia di acque . 339
103. Opere idrauliche e azione di danno temuto..... 342
104. Provvedimenti nunciatori in materia di lavori pubblici . . . 343
105. Espropriazione............ 344
106. Denunzia di danno temuto in materia di appalti pubblici . . 345
107. Denunzia di danno temuto in materia di concessioni amministrative .............. 348
108. Denunzia di danno temuto in materia di regolamenti edilizi . 350
109. Servitù pubbliche e denunzia di danno temuto . . . . 353
110. Autorizzazione amministrativa e denunzia di d.t..... 354
111. Denunzia di danno temuto contro ENEL...... 354
112. Enti di riforma fondiaria e denunzia di d.t...... 355
113. Aziende municipalizzate e denunzia di d.t....... 356
CAPITOLO IV COMPETENZA
114. Competenza per materia, valore e territorio prima dell´inizio
del giudizio di merito........... 357
115. Competenza pendente la causa di merito: quando sia pendente dinanzi al Conciliatore,
al Pretore, al Tribunale o alla Corte d´Appello............ 363
116. Causa pendente per la discussione al Collegio..... 369
117. Causa pendente dopo la discussione dinanzi al Collegio . . 370
118. Se non siasi fatta rilevare la pendenza della causa . . . . 371
119. Se sia pendente il termine per l´appello...... 372
120. Quando la causa sia pendente dinanzi alla Corte di Cassazione 374
121. Se sia pendente il ricorso per cassazione...... 376
122. Sentenza cassata con rinvio.......... 376
123. Causa di merito cancellata dal ruolo...... 378
124. Se sia stato emesso decreto ingiuntivo....... 379
125. Se la causa di merito sia devoluta agli arbitri..... 381
126. Denunzia di danno temuto e Tribunali delle Acque pubbliche . 383
127. Se il processo sia sospeso o interrotto....... 387
128. Sospensione del processo per regolamento di competenza . . 389
129. Conciliazione giudiziale ed opere non eseguite come era stato concordato............. 390
130. Rinunzia a parte della domanda........ 391
131. Sospensione del processo per regolamento di giurisdizione . . 391
132. Competenza internazionale o contro lo straniero . . . . 392
133. Se sia ammissibile la domanda riconvenzionale..... 396
CAPITOLO V
FORMA INTRODUTTIVA DEL GIUDIZIO DI DENUNZIA
134. Ricorso (od anche citazione?)........397
135. Requisiti del ricorso...........402
136. Notifica del ricorso...........407
137. Emissione del provvedimento nonostante l´ordine di convocazione delle parti............411
138. Se il pretore invece di fissare l´udienza di comparizione delle parti dinanzi a sé stabilisca soltanto
il termine per l´inizio del giudizio di merito............413
CAPITOLO VI EMISSIONE DEL PROVVEDIMENTO
139. Accoglimento della domanda di denunzia...... 415
140. Assunzione di sommarie informazioni....... 418
141. Se il provvedimento del giudice possa essere reintegrato . . 426
142. Cognitio summaria su citazione delle parti (esame testi, ecc.) . 428
143. Se siano ammissibili provvedimenti prowisori anteriori a quello nascente dalla vera e
propria denunzia di danno temuto . . 433
144. Rapporto fra le sommarie informazioni ed il giudizio di merito . 434
145. Cambiamento o modifica delle domande...... 435
146. Trascrizione della domanda di denunzia di danno temuto concernente diritti reali........... 435
CAPITOLO VII
LE CAUTELE
pag.
147. Precedenti storici............. 437
148. Cautele nella legigslazione vigente italiana...... 438
149. Mancata prestazione della cauzione....... 441
150. Persone obbligate alla cauzione . ...... 443
151. Modalità di concessione e prestazione di cauzione .... 443
152. Esecuzione del provvedimento......... 446
153. Organo per l´esecuzione della cautela...... . 448
154. Pignorabilità della cauziono......... 449
CAPITOLO Vili
RIGETTO DELLA DOMANDA DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
155. Rigetto della domanda di provvedimento nunziatorio . . . 451
156. Se sia ammesso gravame.......... 453
157. Forma del provvedimento di rigetto: ordinanza o sentenza? . 459
158. Se il giudice abbia omesso di fissare l´udienza di revisione . . 470
159. Omessa osservanza del termine fissato dal giudice e competenza per la dichiarazione d´inefficacia....... 472
CAPITOLO IX PROCEDIMENTO DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
160. Svolgimento del procedimento: audita e inaudita altera parte 475
161. Rapporto intercorrente fra la domanda cautelare ed il merito . 479
162. Sopraluogo e mancata comparizione delle parti .... 489
163. Convocazione delle parti dinanzi al giudice e mancata comparizione .............. 489
164. Termine per l´inizio del giudizio di merito..... 492
165. Carattere e conseguenze, anche penali, dell´inosservanza . . 494
166. Chi sia tenuto all´inizio del giudizio di merito .... 497
167. Chi sia tenuto a constatare e dichiarare l´inefficacia per l´inosservanza del termine........... 498
168. Rinunzia al ricorso........... 500
169. Morte o incapacità sopraggiunta delle parti..... 501
170. Rimessione della causa di merito al conciliatore .... 504
CAPITOLO X
CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO DI DANNO TEMUTO
pag.
171. Non si tratta di provvedimento di condanna: spese giudiziali . 507
172. Incompetenza del giudice adito........ 512
173. Intervento nella fase cautelare......... 513
174. Chiamata in garanzia............ 514
175. Efficacia del provvedimento di nunziazione..... 516
176. Se sia ammissibile il regolamento di competenza contro i provvedimenti di denunzia di danno temuto...... 517
177. Se sia ammissibile il regolamento di giurisdizione .... 522
Parte Settima
IMPUGNAZIONE - MODIFICA - REVOCA - DECADENZA
NULLITÀ´ E PROVVISORIA ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
CAPITOLO I
IMPUGNAZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI DANNO TEMUTO
178. Inammissibilità dell´impugnazione........531
179. Ricorso per Cassazione ex art. Ili della Costituzione contro il provvedimento di denunzia di danno temuto.....538
CAPITOLO II
MODIFICA E REVOCA DEI PROVVEDIMENTI DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
180. Modifica del provvedimento di denunzia di danno temuto . . 541
181. Revoca dello stesso provvedimento: se occorra sentenza passata
in cosa giudicata. Sentenza provvisoriamente esecutiva . . . 545
182. Provvedimento e competenza per la revoca . . . 554
183. Revoca e prestazione di cauzione........554
184. Se il provvedimento di denunzia sia stato sottoposto a condizione.............. 556
185. Se il decreto che dichiari l´inefficacia per omessa prestazione
di cauzione possa essere impugnato.......558
CAPITOLO III DECADENZA DEL PROVVEDIMENTO
186. Generalità: omessa attuazione del provvedimento di denunzia
di danno temuto............559
187. Omesso inizio del giudizio di merito nel termine stabilito dal giudice..............562
188. Estinzione del procedimento di merito: a) non estingue l´azione; b) non estingue le sentenze di merito;
e) non estingue le sentenze che regolano la competenza; d) non estingue le prove raccolte............ 563
189. Se sia dichiarato inesistente il diritto a cautela del quale era
stato concesso il provvedimento nunciatorio . . . , 567
CAPITOLO IV
NULLITÀ´ DEI PROVVEDIMENTI DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
190. Provvedimento di denunzia concesso da giudice incompetente . 569
191. Causa di merito instaurata dinanzi a giudice incompetente . . 571
CAPITOLO V
ATTUAZIONE DEI PROVVEDIMENTI DI DENUNZIA DI DANNO TEMUTO
192. Titolo esecutivo, clausola di provvisoria esecuzione e spedizione
in forma esecutiva............573
193. Attuazione dei provvedimenti di danno temuto .... 586
194. Organo tecnico per l´attuazione del provvedimento . . . 595
Parte Ottava
PROCEDIMENTO RESTITUTORIO OPPOSIZIONE - GIUDIZIO DI MERITO - DANNI - SPESE
CAPITOLO I
PROCEDIMENTO RESTITUTORIO
pag.
195. Ammissibilità del procedimento restitutorio..... 601
196. Ordine di pristino............ 604
197. Scopo ed elementi............ 605
198. Giudice competente ad ordinare la riduzione in pristino . . 611
199. Momento della richiesta della riduzione in pristino . . . 620
200. Forma introduttiva del giudizio e procedimento .... 620
201. Modalità della reintegrazione......... 623
202. Estensione e limiti del provvedimento restitutorio .... 629
203. Poteri del giudice in ordine al ricorso....... 630
204. Se il .provvedimento restitutorio sia impugnabile . . . . 630
205. Rimedi contro il rigetto della domanda...... 632
206. Difficoltà nel corso dell´esecuzione....... 632
207. Spese............... 633
CAPITOLO II
OPPOSIZIONE ALUATTUAZIONE
DEI PROVVEDIMENTI DI DENUNZIA
DI DANNO TEMUTO
208. Se sia ammissibile l´opposizione all´attuazione dei provvedimenti
di denunzia di danno temuto........637
209. Se sia ammissibile l´opposizione agli atti esecutivi .... 652
CAPITOLO III GIUDIZIO DI MERITO
210. Generalità.............655
211. Oggetto e fine............. 661
212. Quale sia il grado della sentenza del giudizio di merito . . 664
Parte Nona
RISARCIMENTO DEL DANNO E SOSPENSIONE DEI TERMINI
CAPITOLO I
RISARCIMENTO DEL DANNO
pag.
213. Risarcimento dei danni per responsabilità processuale . . . 669
214. Se non ricorra il «pericolo di danno grave e prossimo» possa
darsi ingresso al risarcimento del danno...... 678
215. Liquidazione del danno.......... 680
216. Responsabilità per mancata esecuzione del provvedimento cautelare........... 683
217. Danno non patrimoniale.......... 684
CAPITOLO II SOSPENSIONE DEI TERMINI PROCESSUALI
218. Provvedimento di denunzia di danno temuto e sospensione dei termini
processuali scadenti nel periodo feriale.....685
MASSIME DI GIUPJSPRUDENZA
Massimario (secondo i nuovi codici)......... 691
INDICI
Indice degli autori citati........... 757
Indice delle massime di giurisprudenza........ 781
Indice analitico-alfabetico ,.,,,,..,.. 787

Direito Civil -> Direito Civil

Direito Processual Civil

Livros Raros -> Civil e Processo